Venosa, disabile si incatena in Comune: «Voglio che mi ridiano il cane»

VENOSA -  Un disabile di Venosa si è incatenato ieri davanti alla sede municipale ed ha avviato uno sciopero della sete e della fame, per ottenere la revoca di un’ordinanza del sindaco Marianna Iovanni che aveva disposto il ricovero e l’allontanamento del suo cane. Per Giuseppe De Renzo - costretto

Condividi: